ElencoElenco

Regio Hotel Manfredi wellness & resort

Camera con vista.

 

L’hotel sorge oltre il margine della città, in un luogo dove non esiste disegno urbano in cui inserirsi, o manufatti con cui dialogare.

La scala territoriale governa l’edificio (come anche l’impianto della città) che si relaziona ai monti del Gargano da un lato e al mare Adriatico dall’altro.

L’edificio, fortemente caratterizzato da un impianto a corte, è composto da tre blocchi. Tutto l’insieme architettonico è quasi interamente dipinto di bianco con la zona basamentale in pietra di Apricena.

I tre blocchi delle camere, intonacati di bianco, sovrastano la corte al primo e al secondo piano.

Al piano terra in posizione planimetrica baricentrica si trova la hall, un volume rettangolare libero lungo 65 metri.

All’estremità est dell’edificio si colloca il centro congressi un volume chiuso completamente in pietra con un lato curvo.

Le bucature dislocate in modo continuo sono funzionali alle attività insediate.

Le camere sono incapsulate da una pensilina continua volta sia a selezionare inquadramenti del paesaggio circostante, sia a circoscrivere la luce di questa parte dell’Adriatico.

 

progettisti

Planprogetti (Arch. Sergio delli Carri, Ing. Gaetano Gelsomino)

 

Collaboratori (Arch. Mario Correale, Ing. Matteo Paglione, Geom. Luigi Trotta)

 

committente

Califano srl

 

localizzazione

Manfredonia

 

dati dimensionali

  • 3.175  mq superficie coperta
  • 10.000 mq superficie complessiva
  • 32.500 mc volume complessivo

 

cronologia

  • 1999-2000: progetto
  • 2002-2003: realizzazione

 

foto

Peppe Maisto